Mal di schiena

Mal di schiena

La lombalgia è un sintomo che viene notato raramente. La maggior parte delle persone lo associa al lavoro in posizione seduta, al sollevamento di pesi o all'osteocondrosi e non ha fretta di vedere un medico. In effetti, questa condizione può segnalare malattie ai reni, al fegato o all'intestino e i problemi al sistema muscolo-scheletrico non andranno via da soli. Solo un esame tempestivo da parte di uno specialista e un esame completo aiuteranno a identificare la causa del dolore e scegliere il trattamento giusto.

Informazioni generali

La parte bassa della schiena è un'area soggetta a stress significativo a causa della posizione eretta. La colonna vertebrale è rappresentata da cinque grandi vertebre, ulteriormente rafforzate dalla struttura muscolare. 9 casi su 10 di dolore in quest'area sono provocati proprio dalla patologia del sistema muscolo-scheletrico: osteocondrosi, spasmo muscolare, ernia del disco, pizzicamento della radice del nervo.

Il restante 10% dei casi è associato a malattie degli organi interni situati nella proiezione della parte bassa della schiena: reni, sistema genito-urinario, intestino, fegato. Anche un medico, all'esame, non può sempre determinare con precisione la causa del dolore, motivo per cui questa condizione richiede un'attenta diagnostica di laboratorio e strumentale.

Tipi di dolore

La prima cosa che il dottore chiede è la natura delle sensazioni. A seconda della causa sottostante, il dolore lombare può essere:

  • acuto: solitamente brusco, ad alta intensità; la durata delle sensazioni non è superiore a 1, 5 mesi;
  • subacuto: dura 6-12 settimane;
  • cronico: sensazioni di qualsiasi intensità, della durata di 12 settimane o più;
  • transitorio (variabile): appare periodicamente;
  • dolorante;
  • stupido;
  • forte, media intensità, debole.

Questa divisione è arbitraria. A seconda della situazione e delle circostanze, la natura e la durata delle sensazioni possono variare. È importante descriverli al medico nel modo più completo possibile.

Motivi

Ci sono molte ragioni per cui la schiena inizia a far male nella regione lombare. I fattori provocatori più comuni sono:

  • ipotermia;
  • sollevamento pesi;
  • distribuzione irregolare del carico (sullo sfondo di gravidanza, disturbi della postura, patologia del sistema muscolo-scheletrico);
  • lesione infettiva;
  • malattie del sistema muscolo-scheletrico;
  • processi infiammatori, inclusi quelli autoimmuni;
  • trovarsi in una posizione scomoda per molto tempo;
  • cambiamenti nella composizione del tessuto osseo (osteoporosi);
  • processi volumetrici: tumori benigni e maligni, ascessi;
  • cambiamenti ormonali (mestruazioni, gravidanza, menopausa);
  • malattie renali (urolitiasi, pielonefrite, glomerulonefrite, ascessi);
  • patologia del tratto gastrointestinale;
  • malattie dell'utero e delle appendici nelle donne, prostata negli uomini, ecc.

Malattie

La lombalgia può essere un sintomo di varie malattie del sistema muscolo-scheletrico e degli organi interni. Il compito principale del medico è scoprire cosa ha causato esattamente il deterioramento della condizione e prendere le misure necessarie.

Queste sono le patologie più comuni.

Spondilite anchilosante

Questa è una malattia infiammatoria sistemica in cui le singole vertebre sono fuse in un unico conglomerato. Allo stesso tempo, il calcio si deposita nei legamenti che stabilizzano la colonna vertebrale, a seguito della quale l'area interessata perde quasi completamente la sua mobilità.

Le caratteristiche distintive della lombalgia nella spondilite anchilosante includono:

  • aumento dell'intensità a riposo, specialmente con una posizione orizzontale prolungata;
  • rigidità del movimento nella regione lombare;

Osteocondrosi della colonna lombare

Questa è una malattia molto comune in cui si verifica l'assottigliamento dei dischi intervertebrali, che agiscono come ammortizzatori. Il risultato è l'irritazione delle radici nervose e gli spasmi dei muscoli circostanti, causando forti dolori. In una fase avanzata della malattia, si forma un'ernia del disco, che può premere sul midollo spinale, aumentando il dolore.

Con l'osteocondrosi, il dolore si intensifica:

  • quando si solleva da una posizione seduta o orizzontale;
  • quando cerchi di sdraiarti sulla pancia;
  • quando ci si appoggia.

Se la malattia ha causato la formazione di un'ernia massiccia, il dolore nella parte bassa della schiena è spesso accompagnato da intorpidimento e / o debolezza in una o entrambe le gambe.

Curvatura della colonna vertebrale nella regione lombare (cifosi, scoliosi)

Il dolore in questa patologia si verifica nelle fasi intermedie e avanzate dello sviluppo della malattia. Il disagio di solito si manifesta verso la fine della giornata ed è spesso accompagnato da affaticamento dei muscoli della schiena. Il dolore è più spesso causato dallo spasmo dei muscoli della colonna vertebrale ed è anche possibile uno spasmo muscolare a distanza (gluteo, muscoli periarticolari degli arti superiori e inferiori).

Spondiloartrosi

Questa è una malattia degenerativa-distrofica del tessuto cartilagineo che copre i dischi intervertebrali. Diventa gradualmente più sottile e distrutto, le escrescenze ossee (osteofiti) compaiono intorno all'area interessata. Come risultato della riduzione della distanza tra le vertebre, il canale spinale si restringe, si verifica irritazione delle radici nervose e del midollo spinale.

Dolore con questa patologia:

  • aumenta dopo lo sforzo (prolungato in piedi, camminata) e scompare dopo il riposo;
  • è accompagnato da rigidità dei movimenti, prima al mattino, poi costante;
  • può irradiarsi nell'area della coscia e dell'anca.

I muscoli della zona interessata presentano spasmi e sono costantemente in tensione, il che aumenta anche il dolore.

Urolitiasi

Un attacco di urolitiasi è caratterizzato da un forte dolore lombare dal rene colpito. Allo stesso tempo, le sensazioni non cambiano a seconda della postura, una persona non riesce a trovare una posizione in cui si indeboliscono almeno un po '. L'attacco è spesso accompagnato da una riduzione della quantità di urina e da un viraggio rossastro.

La lombalgia può anche derivare da:

  • algomenorrea (periodi dolorosi);
  • gravidanza;
  • infiammazione del pancreas;
  • osteomielite;
  • ostruzione intestinale;
  • appendicite, ecc.

Dolore in varie parti della schiena

La localizzazione del dolore può dire molto sulla sua causa. Il dolore nella regione lombare superiore può derivare da:

  • malattie della colonna vertebrale;
  • lesioni;
  • spasmo muscolare sullo sfondo del loro sovraccarico;
  • malattie cardiovascolari;
  • tumori;
  • malattie del tratto gastrointestinale.

Se l'epicentro è nella parte inferiore della parte bassa della schiena, l'elenco delle probabili cause include, oltre alle malattie della colonna vertebrale:

  • patologia renale (pielonefrite, urolitiasi);
  • rottura dell'intestino (stitichezza, flatulenza);
  • spasmi o infiammazioni negli organi pelvici (salpingo-ooforite, endometrite);
  • ragioni fisiologiche, in particolare la gravidanza;
  • intrappolamento del nervo sciatico.

Lo spostamento del dolore a destra oa sinistra può indicare un danno alla corrispondente radice del midollo spinale, rene.

Diagnostica

La diagnosi della lombalgia richiede un esame completo. Il primo passo per trovare la causa è un sondaggio. Il medico specifica:

  • localizzazione del dolore;
  • il suo carattere e la durata;
  • ragioni che causano un attacco o intensificano il dolore;
  • circostanze in cui la condizione migliora (una certa postura, immobilità, assunzione di farmaci, ecc. ).

I dati su infortuni e malattie, patologie croniche già identificate vengono raccolti senza fallo. Un'ulteriore possibile ricerca diagnostica a discrezione del medico comprende:

  • analisi generale del sangue e delle urine: aiuta a identificare il processo infiammatorio nel corpo, patologia renale;
  • analisi del sangue biochimica per rilevare segni di danni ai reni, al pancreas, al fegato e alla cistifellea, ecc . ;
  • ecografia della cavità addominale e della piccola pelvi, negli uomini - ecografia della prostata;
  • ecografia renale;
  • radiografia, TC o RM della colonna lombare;
  • RX torace.

Se si sospetta una patologia, dopo una diagnosi e un esame generale, vengono prescritte analisi, esami e consultazioni più mirate di specialisti ristretti. Ti consentono di chiarire o confutare la diagnosi.

Paziente con lombalgia all'esame diagnostico da parte di un medico

Guarigione

Il trattamento per la lombalgia dipende dalla causa. Neurologo, urologo, ginecologo e chirurgo possono occuparsi di patologia. Quando si tratta di malattie del sistema muscolo-scheletrico, i medici usano farmaci, non farmaci e metodi chirurgici per migliorare le condizioni del paziente.

Farmaco

I rimedi più comuni per il dolore lombare sono i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Sono prescritti sotto forma di compresse, iniezioni endovenose e intramuscolari, supposte rettali, nonché creme, unguenti e cerotti topici. Il medico decide il dosaggio del farmaco e la durata del corso, poiché l'uso incontrollato di questi farmaci può causare spiacevoli effetti collaterali.

Quando i FANS sono inefficaci, i medici prescrivono ormoni (corticosteroidi). Fermano anche l'infiammazione e riducono il dolore.

Il terzo gruppo di farmaci che migliorano le condizioni del paziente sono gli antispastici. Allevia gli spasmi muscolari nella regione lombare.

Inoltre può essere assegnato:

  • decongestionanti per ridurre il gonfiore della radice pizzicata;
  • Vitamine del gruppo B per migliorare la conduzione nervosa;
  • sedativi.

Metodi non farmacologici

Il trattamento senza farmaci completa i regimi farmacologici. A seconda della situazione clinica, può includere:

  • procedure fisioterapiche (magnetoterapia, esposizione laser, elettroforesi, ecc. );
  • esercizi di fisioterapia: il corso degli esercizi è sviluppato individualmente in base alle malattie sottostanti e concomitanti; la ginnastica dovrebbe essere eseguita regolarmente, non solo nell'ufficio della clinica, ma anche a casa, solo in questo caso ha un effetto;
  • rafforzamento generale e massaggio terapeutico (eseguito senza esacerbazioni);
  • agopuntura;
  • terapia manuale e assistenza osteopatica.

Trattamento chirurgico

L'aiuto dei chirurghi è necessario se il medico curante, sulla base del quadro generale, individua una delle indicazioni per il trattamento chirurgico. Di per sé, la presenza di un'ernia del disco non è un'indicazione per il trattamento chirurgico, indipendentemente dalle sue dimensioni. A seconda delle indicazioni, i medici possono rimuovere un'ernia del disco, eliminare la compressione della radice del midollo spinale, rimuovere un tumore, ecc. La decisione di eseguire una particolare operazione viene presa su base individuale.

Prevenzione

Il modo più efficace per prevenire la lombalgia è regolare il tuo stile di vita in modo da risparmiare i reni, la colonna vertebrale e gli organi pelvici, ma se il dolore persiste, allora questo dovrebbe essere il motivo per una visita straordinaria da uno specialista:

  • evita l'ipotermia;
  • evita l'ipodynamia;
  • praticare sport a livello amatoriale (il nuoto ha un effetto particolarmente benefico sulla condizione della colonna vertebrale e dei muscoli della schiena);
  • mangiare correttamente e in modo equilibrato: evitare di mangiare troppo, ridurre al minimo i cibi grassi, piccanti e eccessivamente salati;
  • elimina alcol e nicotina;
  • beva almeno 1, 5 litri di acqua pura al giorno, esclusi tè, caffè o succhi;
  • mantiene l'indice di massa corporea a un livello normale: essere in sovrappeso ha un effetto negativo sulla condizione della colonna vertebrale e una sua mancanza può causare prolasso renale.

Se a una persona è già stata diagnosticata una patologia dell'apparato muscolo-scheletrico, si consiglia di seguire corsi preventivi almeno due volte l'anno, secondo le raccomandazioni europee per la riabilitazione della patologia spinale, secondo la prescrizione del medico.